La Mia vita ai tempi del Coronavirus

Come può cambiare tutto in un secondo

Il 7 Marzo era il mio compleanno ed lo abbiamo trascorso a casa dei miei genitori, come uso fare da qualche anno a questa parte.
A pranzo da babbo e mamma, con Francesca, l’ Amore della mia vita.
Nulla di particolarmente stravagante ma qualcosa che mi fa ricordare le cose veramente importanti della vita.

Quella è stata l’ ultima uscita fuori dal mio comune di residenza, prima che anche in Sardegna bloccassero tutto a causa dei COVID-19, il famigerato Coronavirus.

Adesso che scrivo, il 7 Aprile 2020, siamo chiusi in casa, come il resto degli Italiani e gran parte degli Europei e della popolazione Mondiale.
Usciamo con in tasca la autocertificazione che attesta uno dei motivi per i quali, da Decreto, è possibile uscire ( fare la spesa, lavorare, motivi di salute, portare fuori il cane).
Siamo noi e le persone che vivono con noi, nelle nostre stanze, nella nostro divano, nella nostra sedia preferita, davanti al computer o alla televisione, cercando di passare il tempo, di lavorare, di riflettere, di comunicare…
Stiamo provando qualcosa mai provata prima, per una generazione come la nostra, che mai aveva visto una privazione della libertà personale così importante .

Ci siamo resi conto, all’ improvviso, che tutto quello che si faceva in maniera naturale e automatica ora non lo si può più fare.
Abbiamo preso consapevolezza che nulla c’è più di sicuro e che tante cose che abbiamo sempre dato per scontate, in realtà scontate non lo sono proprio.

Il Mondo per tanti si è come fermato, in attesa di qualcosa di nuovo e di diverso che non si sa bene quando potrebbe arrivare.

In tanti hanno perso il lavoro e in molti hanno visto ridimensionarsi quello che facevano.

Il nostro core business è il turismo e in questo momento tutto è fermo.
A Londra e Parigi come nel resto del Mondo non si viaggia più, fino a data da destinarsi.
La nostra attività di servizi turistici è totalmente bloccata con un conseguente azzeramento delle entrate e una continua emorragia di spese come mutui, abbonamenti per gli strumenti di lavoro, bollette, tasse…
Gli Stati promettono aiuti ma ancora a oggi non si è visto nulla.
In Italia è stato promesso, per noi piccoli imprenditori, un bonus di 600 euro per il mese di marzo e forse 800 per quello di Aprile.
Pochi spiccioli che in tempi di magra diventano vitali ( quasi 3 milioni di richieste) per tutta una fetta di lavoratori partite IVA che mai sono state prese in considerazione, private da sempre di ogni minima tutela da parte dello Stato..
Anni di sacrifici buttati al vento con migliaia di piccole e medie imprese come la nostra destinate al fallimento se non si riesce a cambiare, ancora una volta, prospettiva e visione.
Questo vale nel lavoro come nella vita, mia e di tante centinaia di migliaia di persone come me.

Ma noi non siamo abituati ad arrenderci!




Avatar

Andrea Serra

informazioni biografiche da aggiungere

You may also like

Questo sito utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Cliccando sul pulsante ACCETTO, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi